Category Archives: Concorrenza Sleale/Sleazy Competition

Francesca Matteini: Why Not Just Toss Your Money Into the Lake, One Euro at a Time

Francesca Matteini must be Wonder Woman. She offers not only editorial services, plans weddings and other events, and builds websites, she provides translations into English, which is not her native language, for approximately €0.007 per word.

And there’s more. She also dabbles in plagiarism. In this case, she has copied her promotional texts directly from the site of another translator. (You can compare the texts on Matteini’s page, below, with those on IlTuoLibro in Inglese (http://iltuolibro.wordpress.com/2012/07/29/faq8/).

francescamatteini

Matteini is an example of the “Chinese goods” approach to translation that has overtaken Italy.

Italian shysters like Matteini offer cut-rate translations into English, and Italian clients are so uninformed and so unable to judge the quality of an English text that they’ll go for the discount every time.

Information about Matteini has been posted on Facebook as well. As one commentator wrote: 

“Non cascate in tranelli di questo tipo. Nessuno è in grado di sopravvivere con 1 mollica di pane al giorno + un bicchiere di acqua, il prezzo, più o meno, che questa “signora” dice che vi costerà “la traduzione del vostro libro”. Riflettete 30 secondi. Voi, quanto tempo ci avete messo a _scrivere_ il vostro libro? Ebbene, il traduttore, lo _riscrive_… ed è più bravo di voi, perché ci mette meno tempo di voi. Perché ci mette meno tempo? Perché scrivere è il suo mestiere… e perché nessuno potrebbe pagare il prezzo reale di tutto il tempo e di tutta la competenza necessaria… 100 cartelle di un libro da scrivere/tradurre in inglese costano minimo 2.500 euro, cioè 25 euro a cartella. Con 2 euro ricevete dalla suddetta signora “carta da mettere al bagno”. Con tutte le figuracce annesse ovviamente, se pubblicate quella “carta” e la fate leggere a “gli inglesi” o “gli americani”: ovviamente non la compra nessuno…. Per cui, se anche spendete solo 200 euro, sono 200 euro buttati nel water, uno per uno.”