Category Archives: Work for Pay, Don’t Pay To Work

Il Caso Faligi Editore – Lettori Italiani Uniti (LIU)

Reblogged from: LIU – LETTORI ITALIANI UNITI

IL CASO FALIGI EDITORE

03/06/2013

faligiLa disinformazione riguardo il mondo dell’editoria può, spesso, contagiare anche il mondo del lavoro e offrire false opportunità ai giovani che hanno deciso di intraprendere la professione del traduttore. Spulciando tra gli annunci di lavoro sono incappata in Faligi Editore, casa editrice di e-book della Valle D’Aosta, che offre un’opportunità di lavoro per giovani anche senza esperienza o certificati particolari. Nella home del loro sito, in basso, si può leggere la seguente frase:

Il nostro è un modello culturale plurilinguista, un esempio di editoria basato sull´accoglienza, l’accettazione e il rispetto per “l’alterità”, riconoscendo a tutti il diritto di esprimere le proprie idee.

L’ultima riga dell’annuncio dice:

Scegli di diventare un traduttore Faligi Editore e di metterti alla prova con la selezione per traduttori: se la superi otterai un contratto di edizione decennale per la traduzione di un libro, e se lo desideri potrai tradurne anche altri.

Fin qui sembra davvero una buona offerta lavorativa, c’è un test iniziale ma da lì in poi è tutto in discesa.

Se non fosse che.

http://nopeanuts.wordpress.com/2011/10/19/ci-vorrebbe-una-legge-faligi/

Se non fosse che, da quanto letto su No Peanuts (e molti altri blog),  in realtà devi scucire 160 euro per riuscire a fare il test di ammissione. Questo test, ovviamente, consiste nella traduzione di un intero libro. Il vostro lavoro verrà usato dalla Faligi Editore e voi verrete pagati solo se il libro vende (e se la casa editrice decide di promuoverlo). Non c’è alcun tipo di reale investimento da parte della Faligi Editore. Gli scrittori che vogliono pubblicare un libro sicuramente non mancano, i traduttori sono gratis e anzi pagano 160 euro nella speranza di inserirsi in un circuito lavorativo che assicura una durata consistente del rapporto, e i lettori sono internazionali. Il business perfetto.

Inoltre, non essendoci una reale selezione dei traduttori, il libro finale potrà risultare impreciso e il lettore avrà tra le mani un prodotto scadente. Chissà, magari i resi funzionano.

Il problema di tutto questo discorso è che l’operazione è legale. E molti speranzosi, non conoscendo il trucco di alcuni editori particolarmente furbi ci cascano e traducono libri gratis, anzi, perdendoci 160 euro.

Crediamo nell´uguaglianza, nella fratellanza tra i popoli e siamo consapevoli che la moderna tecnologia avvicina; le persone e le culture, intendiamo con la nostra iniziativa diffondere la conoscenza umana attraverso le lettere e le scienze come patrimonio universale dell´umanità. L’apprendimento è crescita e conseguente libertà .

Un altro blog, il Segno di Caino, è molto più esplicito:

http://segnodicaino.blogspot.it/2010/07/faligi-editore-linculata-rampante.html

Ironicamente parlando punta dritta all’Inferno:

http://ironicamenteparlando.wordpress.com/2011/06/08/faligi-editore-a-translators-stairway-to-hell/

Qui invece si passa direttamente agli avvocati:

http://xmau.com/notiziole/arch/201203/007776.html

Dalle ricerche online è interessante notare che arrivano prima le lamentele delle pagine “serie” della casa editrice. Internet è affascinante perchè puoi avere una visione reale della reputazione di un soggetto.

Noto anche, proseguendo con la ricerca, che il catalogo della Faligi Editore è presente anche in siti molto conosciuti:

Il Fatto Quotidiano

Libreria Rizzoli

Hoepli

Per quanto riguarda Facebook, la casa editrice non ha una Pagina bensì un Profilo Privato e se non sei amico puoi vedere poco o niente. E’ strano, per un’azienda che cerca di vendere un prodotto, mantenere questo livello di privacy. Non è nemmeno possibile scrivere nella bacheca.

Il consiglio di LIU è quello di informarsi molto molto molto bene prima di effettuare qualsiasi lavoro senza contratti o prospettive ben delineate.

Inoltre LIU offre lo spazio di replica a chiunque lo desideri.

La qualità della filiera editoriale è anche il riflesso della qualità dei propri rappresentanti.

Advertisements

Faligi Editore: If the Shoe Fits, You Must Admit

Reposted from the No Peanuts! for Translators blog
___________________________________________________

Last October, No Peanuts! published an editorial, “There Oughta Be a Law! – Faligi Editore Finds a Whole New Way to Cheat Translators,” in which we criticized this Italian ePublisher for practices that are, let’s just say, “adverse” to the interests of translators and of the profession.

To wit: The requirement that in order to be “selected” by Faligi, translators must pay €160 to take a seminar (called, disingenuously enough, the “Creative Meeting”), which gives them the possibility of being assigned a translation by Faligi which then gives them the possibility of being paid in royalties if a) Faligi accepts and publishes the book and b) the book ever earns any money.

To complicate things, Faligi publishes exclusively in eBook format. Most of their books retail for between €0.99 and €9.99 a copy, which means that a translator earning a 5% royalty on the cover price (nearly unheard of, but let’s dream) wouldn’t be adequately paid for a book length manuscript until somewhere between 6,000 (at the high end) and 60,000 copies (at the low end) had been sold.

Keep in mind that these are not terms negotiated in good faith between translator and publisher: they are the mandatory conditions of the job.

Faligi’s proprietors also insist that, because “we live in a multilingual world,” there’s no need to entrust translations to translators who are native speakers of the target language. That’s why the vast majority of their translators are Italian, translating into every language in the world (including, sometimes, even Italian). Now there’s a guarantee of high-quality literature if ever we’ve heard one.

But we digress.

There Oughta Be a Law! – Faligi Editore Finds a Whole New Way to Cheat Translators” was translated into Italian by our esteemed colleague, Isabella Zani, and posted under the title “Ci Vorrebbe Una Legge! (Il caso Faligi Editore).”

In February, Faligi hired an attorney and sent Ms. Zani a letter threatening her with criminal and civil penalties if she did not remove the post in Italian, which Faligi claimed was “defamatory” and constituted “unfair competition.” (Wait. What? Faligi undercuts professional Italian translators by hiring newbies essentially for free, but “Ci Vorrebbe Una Legge” constitutes unfair competition?) (If you read Italian, you can review this paragon of legal prose here in .pdf format.)

It’s helpful to know, by the way, that truth is not a defense against libel or slander in Italy.

Initially, as we circled the wagons and considered options, we removed the translation, but not the original version in English. Today, because Isabella Zani is not only a crackerjack translator but also an extremely courageous woman who doesn’t appreciate being messed with, we’re fighting back.

Ci Vorrebbe Una Legge! (Il caso Faligi Editore)” is once again online. If you’re interested in all the inside shizzle, you can also read: 1) No Peanuts!’ 7 March 2012 letter to Faligi’s attorneys (in English), written before we’d decided to put the translation back on our blog; and 2) Isabella Zani’s 23 March 2012 letter to Faligi’s attorneys (in Italian) announcing the re-publication of her translation on the No Peanuts! site and making clear her refusal to be intimidated.

Please lend your solidarity to Ms. Zani and to Italian translators who contend on a daily basis with what is perhaps the most unfavorable translation market in Europe. In the meantime, we’ll keep you posted.

Faligi Editore: Lincoln never freed the translators…

The Aosta, Italy-based Faligi Editore is a perfect example of the Italian saying: “Se lo conosci, lo eviti!” (“Once you know what it is, you stay away from it.”)

Though Faligi boasts of its “plurilingual” capabilities, the English version of its website is the usual non-native-speaker hack job:

We publicize new talents and human thoughts by breaking down the linguistic barriers! To read Faligi Edition books means ‘reading and knowing innovative books’.

While “breaking down the linguistic barriers,” Faligi is also busily breaking down the profession of literary translation. What follows is a report by a translator who recently attended one of Faligi’s “courses” (the post is available in Italian here).

For those who may not be familiar with Faligi Editore, I’m writing to bring them to your attention—with the hope that I can keep my fellow colleagues (or anyone interested in literary translation) from wasting their time.

Though it isn’t my specialty, literary translation has always fascinated me. As a result, and in order to get to know the field better, I participated recently in one of the “Creative Meetings” that Faligi organizes from time to time.

This meeting (they call it a “workshop,” but it only lasted three hours [Faligi charges 140 euros to attend this “meeting” ~ IlSdC]) was intended to introduce translators to the way literary publishing operates, give aspiring literary translators an inside look at that world, and provide Faligi with the opportunity to select a few hopefuls as translators for its books. In that context, let me mention some of the points I found most striking:

– Faligi publishes translations of books by Italian authors (they mentioned the example of Marco Polo1), in order to export Italian literature in various foreign languages and make it more widely known in the world.

– Asked why they assigned these translations to Italian-speaking translators, the response was (and here I quote the organizer of the meeting): “Because it’s very difficult to find native-speaking English, French, or German translators” (!?!) and because “it is high time we put an end to this mentality that translators should only translate into their native language. Our publishing company is located in the Valle d’Aosta, which is a bilingual area. In my case, I’m quite used to expressing myself in two languages and that’s the way it ought to be for everyone.” Notwithstanding various observations regarding this point, the woman who led the meeting was adamant.

– Faligi allows translators to use CAT tools (citing Trados as an example) to translate the books it publishes (!?!!!). I made a few comments about the practice, but the organizer pretended not to have heard me.

– Potential translators are required to complete a “brief” test: about 40 cartelle or just under 13,000 words (yes, you read that correctly) to be done at home and returned to Faligi. It goes without saying, obviously, that the test is unpaid.

– Faligi then selects the fortunate translators and assigns them one or two books to translate in the first year. Payment is made solely on the basis of royalties which, if there are any, are paid in the year following the translation.

– Faligi’s policy is not to pay on the basis of the cartella (typically a “page” of 2000 characters ~IlSdC) but, for our information, just in case they ever decide to do so, they supplied us with a breakdown of sample rates. The listed rate for Italian=>English, for example, ranges from between €6-12 per cartella (obviously before taxes!).2

Alongside the many other advantages of working with Faligi, the publisher offers translators an additional “opportunity”: to be listed in their Translators’ Forum, which Faligi describes as a genuine “display window” for the translator. (In fact, if you take a look at the portal, you’ll find one single name listed over and over—two in a few cases.3)

Once the “Creative Meeting” was concluded, I felt extremely lucky that I had decided to participate solely out of curiosity, that I already have a reliable source of income, and that it hadn’t cost me either much time or a long trip to attend the workshop. What made me sad, though, was to see all the young men and women who had come to Chivasso (near Turin) from all over Italy (Macerata, Rome, Puglia, even from Messina in Sicily) for a three-hour meeting whose content was what I’ve just described—in other words, for an encounter that had nothing whatsoever to do with the words “professionalism” or “opportunities.”

More than anything else, this message is intended for them: take my advice and save yourself three hours of thumb-twiddling.

————————-

1 As long as we’re talking about “Italian authors” and about an editor who purports to be knowledgeable in the field, it seems worth mentioning that Marco Polo did not write his own memoirs but, rather, recounted them to Rustichello da Pisa while they were both in prison. Rustichello then deployed liberal artistic license in creating his own versions of the tales. And he wrote in French. (~TL)

2 This dismal rate works out to roughly €0,018-0,036 per word ($0.022-$0.044/word). Outside of the third world, by way of comparison, a decent rate would be at least four times higher than Faligi’s lowest offer. (~TL)

3 Indeed, for the Italian=>English combination, Faligi lists only two translators, Paola Levante and Anna Giustozzi, both of whom, incidentally, also translate into French. Ms. Levante, however, is a true linguistic wunderkind and evidently translates to and from Italian, French, English, Spanish, Russian, and Latin. (~TL)

Faligi Editore – L’inculata Rampante

Read the English version here.

Voglio portare FALIGI EDITORE all’attenzione di chi non la conoscesse, onde evitare perdite di tempo a colleghi o chiunque sia interessato alla traduzione letteraria.

Benchè non sia il mio campo, la traduzione letteraria mi ha sempre affascinato e, allo scopo di conoscere meglio questo mondo, ho partecipato (di recente) all’incontro definito “Il Traduttore Letterario” che Faligi Editore organizza periodicamente.

Questo incontro (loro lo definiscono ‘corso’, ma dura tre ore) vuole fare conoscere il modo di operare delle case editrici, avvicinare gli aspiranti traduttori letterari a questo mondo e mira a selezionarne alcuni a cui affidare la traduzione dei libri FALIGI. Voglio elencarne di seguito i punti più eclatanti e senza senso:

-si tratta di tradurre libri italiani (hanno fatto l’esempio di Marco Polo) verso una lingua straniera, allo scopo di far conoscere ed esportare la letteratura italiana nel mondo.

-Alla domanda perchè affidarlo a madrelingua italiani, la loro risposta è stata (parole dell’organizzatrice): “Perchè è molto difficile trovare traduttori di madrelingua inglese/francese/tedesco, ecc. ecc..(!?!) e poi è ora di “finirla” con questa mentalità di tradurre solo verso la propria lingua, la nostra casa editrice è valdostana, una terra bilingue, io ad esempio sono abituata ad esprimermi in due lingue, tutti dovrebbero fare così”.

Alle varie osservazioni che si potevano fare su questo punto, la signora è stata irremovibile.

-La casa editrice permette l’uso di strumenti di traduzione assistita, facendo l’esempio di Trados, per tradurre i libri (!?!!!). Sono seguite altre osservazioni dalla sottoscritta a cui la signora ha fatto orecchie da mercante.

-Viene dato un ‘piccolo’ test: 40 cartelle circa (avete letto bene), da fare a casa e restituire. Ovviamente il test, non so se c’è bisogno di dirlo, è gratuito.

-Dopodichè FALIGI selezionerà i fortunati e affiderà loro uno/due libri da tradurre per il primo anno. Il pagamento sarà solo mediante il meccanismo delle royalties che, eventualmente, si percepiranno a partire dall’anno successivo alla traduzione.

– FALIGI ha scelto di non applicare la tariffa a cartella, comunque per nostra informazione, se mai dovesse pagare anche a cartella, ci fornisce un elenco con le tariffe tipo, in cui leggo che la tariffa per l’inglese, ad esempio, va dai 6 ai 12 euro, lordi ovviamente!

-FALIGI oltre alle suddette vantaggiose condizioni offre anche un’altra ‘opportunità’: essere inseriti nel loro portale traduttori, che per i traduttori è una vera e propria ‘vetrina’. (Infatti se si va a vedere si trova sempre un solo nome, due in alcuni casi).

Dopo l’incontro mi sono ritenuta fortunata ad aver partecipato al solo scopo di interesse, di avere le mie fonti di reddito e di … aver fatto poca strada e perso poco tempo, ma la cosa triste è stata vedere ragazzi e ragazze arrivare a Chivasso (Torino) da ogni parte d’Italia (Macerata, Roma, Puglia, addirittura Messina) per un incontro di tre ore e dai contenuti che ho accennato, che tutto hanno a che vedere tranne che con le parole ‘professionalità’ e ‘opportunità’.

E’ specialmente a loro che mi rivolgo: evitate lo sbattimento.